Internet of things fondi ed incentivi. Fondi per sviluppo tecnologie, blockchain e intelligenza artificiale. 

Cos’è?

Internet of Things (IoT) in inglese, è un neologismo utilizzatore nel campo delle telecomunicazioni e dell’informatica, che si riferisce all’espansione di Internet nel mondo degli oggetti e dei luoghi concreti (sviluppo delle tecnologie , blockchain e intelligenza artificiale), che acquisiscono le proprie identità digitali per poter comunicare con altri oggetti della rete e per poter fornire servizi agli utenti.

Il Fondo per lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things è stato istituito dalla legge di bilancio 2019 (art. 1, comma 226), con una dotazione complessiva pari a 45 milioni di euro. Con decreto direttoriale 24 giugno 2022 sono stati stabiliti i termini e le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione, nonché i criteri per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni.

A chi si rivolge?

I soggetti ammissibili al fondo per lo sviluppo delle tecnologie sono le imprese di qualsiasi dimensione. Le grandi imprese sono ammissibili alle agevolazioni soltanto nell’ambito di un progetto di sviluppo che preveda una collaborazione effettiva con le piccole e medie imprese (PMI) beneficiarie. I soggetti ammissibili possono presentare anche progetti in forma congiunta, fino ad un numero massimo di cinque partecipanti per ciascun progetto.

Le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributi alle spese, fatte salve le limitazioni di cui agli articoli 25 e 29 del Regolamento GBER.

Cosa finanzia?

I fondi finanzieranno lo sviluppo sperimentale e le attività di ricerca industriale, innovazione dell’organizzazione e innovazione di processo, per il sostengo e lo sviluppo delle tecnologie e dell’intelligenza artificiale, internet of things e blockchain.

I fondi e gli incentivi saranno indirizzati ai seguenti settori :

  • industria e manifatturiero
  • logistica e mobilità
  • salute
  • agroalimentare
  • sicurezza e tecnologie dell’informazione
  • cultura e turismo
  • sistema educativo
  • ambiente ed infrastrutture
  • aerospazio

Per beneficiare del fondo sviluppo delle tecnologie, il progetto deve prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 500.000 e non superiori a 2 milioni di euro.

Come poter aderire?

In ottemperanza a quanto previsto dal Decreto Interministeriale del 6 dicembre 2021, il Ministero dello Sviluppo Economico fornisce indicazioni per la presentazione delle domande di finanziamento per interventi volti a promuovere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, della tecnologia e delle applicazioni blockchain e dell’Internet of things anche attraverso il paradigma del Metaverso. 

La domanda per poter aderire al fondo per lo sviluppo delle tecnologie e dell’internet of things deve essere presentata in via telematica tramite la procedura disponibile sul sito internet www.infratelitalia.it .

Il decreto direttoriale 24 giugno prevede l’apertura dell’intervento agevolativo il 21 settembre 2022, con la possibilità di precaricare la documentazione prevista dal bando, a partire dal 14 settembre 2022.